I Luoghi

Ultime news dal parco...

  • Evento - Costruiamo una BAT BOX

    maggio 14,2017

    Le Guardie Ecologiche Volontarie e la Biblioteca Comunale di Carnago vi aspettano per la costruzione di una Bat Box, un rifugio per ospitare e dare riparo ai pipistrelli. Da domeni... ...

  • greenme.it

    A passeggio nel cuore della foresta, in mezzo agli alberi, attraverso sentieri nascosti tra i cespugli. Un'esperienza difficile da dimenticare. Si chiama Parkorman lo straordinario ... ...

  • Escursione-Bat Detective, una notte in compagnia dei pipistrelli

    maggio 13,2017

    Una notte in compagnia dei Pipistrelli, alla scoperta di questi splendidi animali. Affascinante escursione serale con le Guardie Ecologiche Volontarie e gli esperti dell'Università ... ...

Immagini dal parco...

Newsletter

Subscribe to our newsletter for good news, sent out every month.

Ultima Glaciazione

L'ultima glaciazione (Glaciazione di Cantù), contrariamente a quanto ritenuto dagli autori precedenti, ha un'estensione molto limitata. Nel lobo orientale, il ghiacciaio occupa infatti solo metà della depressione del Lago di Varese e non raggiunge neppure il Lago di Comabbio, un grande lago marginoglaciale occupa le depressioni e le acque di fusione defluiscono verso Ovest al di sotto del ghiacciaio stesso.

Nella zona frontale il ghiacciaio non raggiunge Sesto Calende e sostiene un lago margino-glaciale dal quale fuoriesce il Ticino, che rappresenta l'unico scaricatore glaciale. In Valle Olona si depongono solo depositi fluvioglaciali sul fondo della valle.
Con il ritiro del ghiacciaio di Cantù dal territorio si instaurano rapidamente condizioni di clima temperato e la vegetazione torna rigogliosa nella zona dell'Alta Pianura.
La successiva evoluzione del territorio è influenzata soprattutto dall'intervento antropico che si esplica fondamentalmente in due modi: l'attività di cava e il disboscamento temporaneo di alcune zone.
Quindi, nell'Anfiteatro glaciale del Verbano, sono state riconosciute, sulla base di precise evidenze geologiche, 13 glaciazioni che portano il nome delle corrispondenti formazioni sedimentarie. Di queste, solo la glaciazione Montonate potrebbe non rappresentare un episodio glaciale a sé stante.

Lo studio dei due anfiteatri glaciali, verbano e lariano, consente di valutare la possibilità di operare correlazioni fra gli episodi glaciali nei due anfiteatri basandosi su considerazioni diverse da caso a caso: nella migliore delle condizioni vi può essere una continuità effettiva fra i depositi che costituiscono gli edifici morenici nei due anfiteatri, in altri casi si osserva solo un'analoga posizione delle cerchie moreniche rispetto all'architettura dell'intero anfiteatro e la correlazione diviene, per forza di cose, solo ipotetica. Comunque sia, queste correlazioni non vanno intese come identità, se non nel caso della Glaciazione Cantù, ma solo come episodi climatici le cui espressioni sedimentarie occupano posizioni stratigraficamente paragonabili, anche se poste in bacini distinti. Sulla base di queste correlazioni è stata costruita la carta di sintesi con l'andamento del margine glaciale alla massima estensione dei vari episodi riconosciuti.



Sulla base di queste considerazioni si vuole quindi completamente rigettare il modello classico e sostituirlo con un nuovo modello, costruito con l'utilizzo di unità stratigrafiche formali, più significative dal punto di vista geologico. Il numero di unità è decisamente aumentato: il Mindel degli autori precedenti corrisponde a numerose unità presentate qui, e facies cementate (Ceppo auctorum) sono presenti in otto unità.

La storia del territorio appare più chiara, più organica e sicuramente più ricca di particolari.
Alcuni elementi innovativi che accompagnano questo nuovo modello evolutivo sono particolarmente importanti. In primo luogo la conformazione dell'Alta Pianura ha radici antiche: valli erano già presenti nel Messiniano e il reticolato che esse costituiscono vincola i fiumi e i ghiacciai che vi scorrono.

Vi sono, è vero, testimonianze di cambiamenti di questo reticolato idrografico in diversi comparti e queste variazioni possono trovare spiegazione sia nei movimenti tettonici recenti, sia nell'impronta che gli edifici morenici hanno man mano dato al territorio.