I Luoghi

Ultime news dal parco...

  • Per il prossimo weekend non prendete impe...

    Per il prossimo weekend non prendete impegni! Sabato 15 e domenica 16 febbraio presso la Villa Truffini di Tradate vi aspettiamo all'esposizione “Natura in mostra” con foto e illust... ...

  • ARRABBIATI E DELUSI!! Usciti per terminar...

    ARRABBIATI E DELUSI!! Usciti per terminare alcuni lavoretti, ci siamo imbattuti in tutto questo: foto 1 sabato avevamo notato dei sacchi e altro materiale scaricato al margine del b... ...

  • Rare e preziose, le zone umide sono in as...

    Rare e preziose, le zone umide sono in assoluto tra gli ambienti con maggiore diversità biologica. Ricoprono solo il 6% della superficie terrestre ma ben il 40% delle specie animali... ...

Immagini dal parco...

Newsletter

Subscribe to our newsletter for good news, sent out every month.

Unità Lariane

Particolarmente importante per definire la distinzione fra i depositi dell'Alloformazione di Albizzate e quelli dell'Unità di Carnago e i loro rapporti reciproci, è il riconoscimento della Formazione di Rovate, sepolta sotto la prima, che appoggia sulla seconda.
Si tratta di una coltre loessica che mostra caratteri di pedogenesi molto spinta: colore 5YR, o persino 2.5YR, molto sovraconsolidata, argilla secondaria molto abbondante e con evidenze di strutture da gelo e da idromorfia. Fra le coltri loessiche presenti nell'anfiteatro del Verbano è l'unica per la quale è stato possibile proporre un inquadramento stratigrafico formale, poiché, sia le caratteristiche litologiche sia la posizione stratigrafica precisa, ne hanno permesso un univoco riconoscimento.

L'Allogruppo di Morazzone è da attribuire alla parte iniziale del Pleistocene medio sulla base di considerazioni che riguardano l'età della Formazione di Castronno, sulla quale appoggia.

La tabella sotto mostra le principali caratteristiche delle formazioni loessiche riconosciute:




La struttura dell'anfiteatro del Lario è simile a quella del Verbano, anche se si riscontrano differenze rimarchevoli. Le principali formazioni riscontrate sono elencate nella tabella sotto