I Luoghi

Ultime news dal parco...

  • ECOPILLOLA # 17 – Un riccio in giardino ...

    ECOPILLOLA # 17 – Un riccio in giardino Se avete un giardino è possibile che prima o poi vi siate imbattuti in un simpatico ospite. Stiamo parlando del riccio (Erinaceus europaeus... ...

  • LA TERRA E' IL NOSTRO UNICO POSTO DOVE VI...

    LA TERRA E' IL NOSTRO UNICO POSTO DOVE VIVERE, con vero piacere abbiamo aderito all'invito a partecipare a questa giornata ecologica ideata dall' Amministrazione comunale e Protezio... ...

  • Domenica insieme alle GEV dei PLIS Insubr...

    Domenica insieme alle GEV dei PLIS Insubria Olona aderiamo all' iniziativa del Comune e della Protezione Civile di Carnago per la pulizia dei nostri boschi. ...

Immagini dal parco...

Newsletter

Subscribe to our newsletter for good news, sent out every month.

Lavatoio di Caronno Corbellaro



Il lavatoio di Caronno Corbellaro è situato poco fuori dal piccolo borgo, nei pressi della confluenza del rio Griano, rio Costa e torrente Marnetta. Completamente ristrutturato ed inaugurato il 29 luglio 2006, vide la luce alla fine degli anni '20, edificato dalla Famiglia Parrocchetti per essere utilizzato dagli abitanti della frazione di Castiglione Olona che al tempo costituiva Comune di Caronno Corbellaro. Il lavatoio è alimentato da una sorgente che confluisce in un pozzo di raccolta; questo permette un apporto d'acqua limpida alle due vasche senza nessun artifizio di pompaggio. L'acqua che si riversa nel lavatoio è fredda ed ha una portata costante anche nei periodi di siccità. Ai suoi estimatori, è molto apprezzata in tavola come oligominerale e possiede un buon sapore. Viene ricercata dai possessori di acquari. Fino agli anni 60, accanto all'uso dell'acqua potabile, il lavatoio era meta della "massaggia" che si recava a fare il bucato.

La struttura, con il passare del tempo, ha avuto alcuni danni dovuti anche alle alluvioni che si sono susseguite. Nel 1993 la famiglia Parrocchetti ha concesso il sedime esistente alla struttura, o meglio quel che ne rimaneva, con "Atto di Comodato" al Comune di Castiglione Olona, che ha deciso di sistemare l'edificio rendendolo funzionale.