I Luoghi

Ultime news dal parco...

  • Queste sono le condizioni odierne dell'ar...

    Queste sono le condizioni odierne dell'area boschiva ripulita solo pochi giorni fa !! Come definire i soggetti responsabili di questi scempi? Lasciamo a voi trovare gli aggettivi ... ...

  • varesenews.it

    Sono i 14 chilometri che mancano per collegare Castellanza a Stabio. Interreg premia la provincia di Varese anche per la gestione transfrontaliera dei rifiuti inerti ...

  • Regione Lombardia, nell' ambito del PSR P...

    Regione Lombardia, nell' ambito del PSR Programma di Sviluppo Rurale 2014- 2020, operazione 8.3.01 «Prevenzione dei danni alle foreste», ha assegnato un contributo di 95.000,00 eur... ...

Immagini dal parco...

Newsletter

Subscribe to our newsletter for good news, sent out every month.

Alberi e Arbusti B - C


Budleia - Albero delle farfalle

(Budleia davidi)

LOGANIACEAE

Arbusto sempreverde o a foglie caduche lunghe anche 12 cm. Fiori riuniti in infiorescenze a forma di pannocchia, i colori vanno dal viola al rosso dall'arancio al bianco. Attirano le farfalle, da qui il nome. Foto scattata il 11/7/04 in località Crotto.


Caprifoglio (Lonicera caprifolium)

CAPRIFOGLIACEAE

Arbusto rampicante con foglie ovali più o meno appuntite e rami lunghissimi. Può arrivare fino a 5-6 m. Fiori, maggio/agosto, bianchi o rosati riuniti in ombrelle. E' una pianta spontanea nei boschi e viene anche coltivata per coprire pergolati e muri. I frutti sono bacche rosse velenose. Ama i terreni calcarei. Foto 15/8/05 in località Cascina Canova


Carpino comune bianco (Carpinus betulus)

CORYLACEAE. Altezza fino a 24 m. Il tronco si presenta scanalato ma la corteccia è liscia; spesso questo albero autoctono si fa ammirare come una scultura, come l'esemplare in foto posto sul sentiero di Rovate. Le foglie sono alterne, con piccioli rossastri e margini doppiamente dentati. Gli acheni triangolari e costolosi crescono in gruppi di circa 8 paia, ciascuno protetto da una brattea trilobata. Il legno è resistente e veniva usato per ceppi da macellaio, mazzuoli e bocce; quando ancora non era disponibile l'acciaio a costi accessibili, si usava per ruote ed ingranaggi.


Carpino Nero (Ostrya carpinifolia)

CORYLACEAE

Specie adattabile, preferisce climi miti e terreni calcarei, ricchi e freschi. Corteccia liscia e rossastra ornata di lenticelle biancastre trasversali da giovane che evolve in rosso-nerastra col tempo. Alto fino a 15-18 m.


Castagno comune (Castanea sativa Miller)

FAGACEAE. Alberi alti, fino a 30 m, a chioma ampia con rami snelli, ma che si espandono. La corteccia si divide in lunghe nervature a spirale. Le foglie sono alterne, seghettate e con nervature parallele. Gli amenti possono avere o solo fiori maschili, simili a fiocchi gialli, o fiori maschili verso l'apice e femminili verdi, più piccoli, alla base. Il frutto è un riccio verde spinoso che, in autunno, si fende per liberare da uno a tre frutti commestibili. Le castagne sono acheni con buccia bruno scura; all'interno due cotiledoni bianchi, che maturano in ottobre. Originario dell'Europa orientale e dell'Asia minore, fu diffuso dai Romani sulle Alpi e sull'Appennino settentrionale. Le castagne, ricche di amido e zuccheri, sono nutrienti e digeribili ed hanno costituito fino ad alcuni decenni fa uno degli alimenti base delle popolazioni rurali in zone collinari e montane.


Ciliegio selvatico (Prunus silvestris)

(Kirschleger Dierbach) ROSACEAE

La sua fioritura è segno della primavera che avanza, spiccando in mezzo a tutti gli altri alberi. La probabile provenienza del Ciliegio selvatico è l'Asia Minore ma possiamo considerarlo una specie spontanea poichè fu portato in Europa in epoche lontanissime. Foglie alterne, lunghe fino a 15 cm, con forma allungata e il margine seghettato. Fiori a cinque petali bianchi che compaiono in aprile, prima delle foglie. Frutti che compaiono in luglio, le ciliegie rosso scuro attirano gli uccelli che se ne nutrono e che, portando i semi lontano, contribuiscono alla diffusione della specie. L'uso alimentare delle ciliegie è molto antico: i noccioli sono stati trovati insieme a numerosi reperti di civiltà preistoriche.

Ciliegio tardivo (Prunus serotina Ehrh.)

ROSACEAE
Solitamente più piccolo del Ciliegio selvatico (6/9 metri), è un albero infestante. Vive su terreni silicei ed è molto resistente all'acidità del suolo; cresce anche in terreni torbosi. Fiorisce a maggio riempiendo l'aria di una fragranza di mandorla. Il frutto è amaro ed è appetito dagli uccelli.
Foto del 20/4/05 presso Caronno Corbellaro

Cipresso calvo - Cipresso di palude (Taxodium dixtichum)

TAXODIACEAE. Originario del sud degli Stati Uniti, cresce in zone paludose e lungo i fiumi. Nel PLIS, alcuni imponenti esemplari della specie bordano lo stagno della Madonnetta. Conifera spoliante, pittosto rustica, resiste anche al gelo e può arrivare fino ai 40 m di altezza. La corteccia è bruno rossastra, screpolata. Caratteristici della specie sono i "pneumatofori", protuberanze radicali che emergono dal terreno o dall'acqua; la funzione di queste spettacolari formazioni è di rifornire d'aria le radici.

Clematide vitalba - Viorna (Clematis vitalba)

RANUNCULACEAE

Assieme all'Edera e al Caprifoglio, costituisce il gruppetto delle piante lianose europee. Pianta infestante, si arrampica agli alberi fino anche ai 20 m. Fusto sarmentoso, contorto, legnoso, si spinge oltre i 1000 m. Fiori: luglio/settembre, ermafroditi, bianco/giallino, riuniti in infiorescenze erette a pannocchia

(foto: 4/9/05 in località cascina Canova).