I Luoghi

Ultime news dal parco...

  • Escursione - Sulle tracce del re dei boschi

    maggio 20,2017

    A CAUSA DELLE CONDIZIONI METEO DI QUESTI GIORNI, LA PRATICABILITA’ DEL PERCORSO RISULTA CRITICA. PER QUESTO MOTIVO L’ESCURSIONE E’ STATA RINVIATA A DATA DA DESTINARSI! Escursione s... ...

  • Promemoria per Amministratori, Tecnici, P...

    Promemoria per Amministratori, Tecnici, Professionisti ed Esperti del settore - Save the date: 26 maggio h.9,00-13,00 Workshop VERDEOLONA - sala consiliare del Comune di Cairate. N... ...

  • Escursione - Sulle tracce del re dei boschi

    maggio 20,2017

    A CAUSA DELLE CONDIZIONI METEO DI QUESTI GIORNI, LA PRATICABILITA’ DEL PERCORSO RISULTA CRITICA. PER QUESTO MOTIVO L’ESCURSIONE E’ STATA RINVIATA A DATA DA DESTINARSI! Escursione s... ...

Immagini dal parco...

Newsletter

Subscribe to our newsletter for good news, sent out every month.

Ex stazione ferroviaria della Valmorea


Stazione ferroviaria Valmorea

La Ferrovia della Valmorea fu  realizzata agli inizi del '900, con la funzione sia di alimentare il nascente sviluppo industriale lungo la valle Olona, sia come come raccordo alternativo tra l'Altomilanese e la Svizzera.
Avviata con un tratto tra Castellanza e Cairate, proseguì successivamente (1918) fino al confine e, nel 1926, fu completata raggiungendo Mendrisio.
La ferrovia non potè mai sviluppare a pieno le proprie enormi potenzialità a causa della complessa situazione politica del tempo. La rapida trasformazione di tutto il sistema economico-produttivo rispetto ai tradizionali modelli e l'altrettanto rapida metamorfosi del sistema industriale e dei trasporti, decretarono il declino e la dismissione nel volgere di alcuni decenni.
Oggi possiamo solo notare i vecchi binari in balia della vegetazione, da Cantello a Castellanza. Da alcuni anni però, lungo il vecchio tragitto della Valmorea, corre un trenino turistico a vapore con carrozze d'epoca.

Il tragitto percorribile è fino alla stazione di Malnate, attraverso il PLIS della Valle Lanza. Il ripristino di questa tratta è stato possibile grazie all'impegno profuso da parte dei Comuni interessati, dalla Provincia di Como, dalla Provincia di Varese, dal "Club S. Gottardo", dall'Associazione Valmorea e dall'Associazione Amici della Ferrovia Valmorea. L'esercizio ferroviario è gestito dal Club S. Gottardo, associazione ticinese di appassionati che conta oltre 300 soci. Essi hanno aggiunto alla tradizionale attività di collezione e restauro di veicoli ferroviari storici, l'impegno di far viaggiare locomotive e carrozze trasportando passeggeri dal capolinea svizzero di Mendrisio fino a Cantello.

L'Associazione Ferrovia Valmorea è il gruppo lombardo di enti pubblici e privati, appositamente creato per coordinare i lavori di ripristino in direzione sud; diversi Comuni situati lungo la valle Olona, tra cui quelli del PLIS RTO interessati, auspicano il ripristino della ferrovia con il passaggio del trenino d'epoca, che favorirebbe il rilancio di un turismo ecologico-storico.

Di particolare importanza è il protocollo d'intesa siglato tra le Provincie di Como e Varese, la Regione Lombardia, i Comuni di Malnate, Cantello, Bizzarone, Rodero, Cagno, Valmorea e Club S. Gottardo che sancisce il ripristino della ferrovia fino a Malnate. 
Va citato l'impegno dell'Associazione Amici della Ferrovia Valmorea che da anni si impegna al recupero di tutta la tratta; oltre a promuovere e diffondere la storia di questa vecchia via ferrata, il gruppo è artefice di numerose iniziative come la creazione della Draisina.

Dopo il rinnovo della Convenzione tra le Ferrovie Nord Milano e il Comune di Castiglione Olona per l'uso dell'area di proprietà delle ferrovie nei pressi della stazione del paese, verrà restaurata la vecchia Pesa Carri situata nei pressi dello Scalo Merci.

L'Associazione Amici della Ferrovia Valmorea, attraverso i suoi volontari, si occupa di pulire l'area e liberare il manufatto da rovi e vegetazione, un vero e proprio reperto di archeologia industriale.

La sopracitata convenzione prevede inoltre l'uso in comodato dell'edificio denominato "scalo merci"; in futuro l'amministrazione Comunale studierà come e a che fine recuperare lo stesso a scopo ricreativo e didattico. Tra le ipotesi, un museo dedicato alla ferrovia.